| INDICE | PREISTORIA | STORIA MODERNA | IL CULTO - LA CHIESA | PROGETTO | RISULTATI OTTENUTI | CONTATTI |

 

1 - 2 - 3 -4

ANNULLO POSTALE

 

Il 25 marzo 2009 in occasione dei festeggiamenti per la festa dell’Annunciazione, è stato emesso un annullo postale a ricordo dei 400 anni della posa del gruppo marmoreo sull’altare principale del Santuario-Grotta della SS. Annunziata (detto dell’Arma) di Bussana. Durante la giornata un ufficio distaccato delle Poste Italiane è stato aperto, per tutta la giornata, davanti alla Chiesa ed è stato possibile acquistare le cartoline a tiratura limitata emesse per l’occasione con il relativo annullo commemorativo. Le cartoline a disposizione del pubblico sono cinque, ciascuna stampata in sole 800 copie numerate.

CENNI STORICI SUL GRUPPO MARMOREO DELL’ALTARE PRINCIPALE
Lo sviluppo edilizio e religioso del Santuario-Grotta della SS. Annunziata detto dell’Arma è iniziato intorno all’anno mille con l’arrivo dei Frati Benedettini che riconsacrando la grotta al culto della Beata Vergine Annunziata, ricostruirono l’antico altare di legno. Intorno alla metà del 1500 sull’altare fu collocato un quadro della Madonna, probabilmente arrivato da Oriente come molte altre immagini che si trovano nella Riviera Ligure. La tradizione popolare, ricordata nel libro dei conti tenuto dai massari del santuario fin dal 1570, vuole invece che il quadro sia stato consegnato direttamente dalla Vergine Santissima a una pastorella, muta dalla nascita, che a seguito dell’apparizione riacquistò la parola. Questo quadro andò distrutto in pochi anni dall’umidità, fu quindi sostituito nel 1589 con un altro quadro del pittore Bernardo Castelli di Genova.
 

 

 

Il prevosto Don Francesco Oliva per proteggere dall’umidità sia il quadro sia l’altare, fece costruire sopra di questo la volta in muratura. Nonostante il riparo anche il quadro del Castelli fu rovinato in pochi anni dall’umidità; allora il Rev.do Don Antonio Bottini e i massari del santuario Marco Antonio Torre e Antonio Carbone pensarono di sostituire la pittura con la scultura, e nel 1608 commissionarono l’opera allo scultore Oberto Casella di Genova. Questi realizzò due statue a grandezza naturale in marmo bianco di Carrara, una rappresentante la Beata Vergine inginocchiata in atteggiamento di preghiera, e l’altra rappresentante l’Arcangelo Gabriele nell’atto dell’Annunciazione. Le due stature erano sormontate da una colomba, posta in mezzo ad una raggiera di marmo giallo. Sul piedistallo che regge la statua della Beata Vergine, è presente un’epigrafe che riporta la data dell’ottobre 1609 come quella della posa del gruppo marmoreo sull’altare.

La serie di cinque cartoline con annullo commemorativo è acquistabile al prezzo di €uro 13,00.
Per l'acquisto cliccare sul bottone qui sotto.
Il ricavato della vendita sarà utilizzato per il restauro dell'altare sinistro della Chiesetta.